Stai pensando di vendere casa?
Effettua gratuitamente la valutazione della proprietà.
Schweizer Immobilienpreis-Barometer

Si Può Vendere un Immobile con Abuso Edilizio? 

Jessica Maggi
23.01.2024, 08:34
5 min
Table of Contents

Non è raro scoprire che nella propria abitazione siano presenti piccoli o grandi abusi edilizi solo quando si decide di mettere in vendita la proprietà o si avviano interventi di ristrutturazione. Cosa fare in questo caso? Cosa dice la legge in merito? In Italia si può vendere un immobile con abuso edilizio? Con questa guida cercheremo di fare chiarezza su questo spinoso argomento.

Cos’è un abuso edilizio?

Prima di procedere, è opportuno definire con precisione cosa si intenda con il termine “abuso edilizio”. Comunemente si includono sotto questo illecito: 

  • interventi di costruzione o ristrutturazione eseguiti in assenza delle dovute autorizzazioni e abilitazioni amministrative; 
  • lavori che presentano difformità rispetto alle concessioni del comune o del catasto; 
  • variazioni essenziali dal titolo edilizio.

In linea generale, si tratta di opere realizzate senza prima chiedere la licenza edilizia o in difformità dal progetto depositato in comune. Una chiara definizione del concetto di abuso edilizio è fornita dall’articolo 31 del decreto del Presidente della Repubblica numero 380 del 6 giugno 2001.

Si può vendere casa con abuso edilizio?

Con la sentenza numero 8230 del 22 marzo 2019 la Corte di Cassazione ha stabilito che un immobile con abusi edilizi si possa vendere a patto che nel contratto di compravendita sia espressamente indicato che la cubatura totale del titolo edilizio abbia subito variazioni per via di ampliamenti o interventi abusivi.

Facciamo un esempio. Il potenziale acquirente è interessato a comprare un appartamento di 100 metri quadri nel centro di Cremona, in cui sono stati aggiunti un soppalco, una veranda e un tramezzo che ne hanno modificato la cubatura totale. Il venditore gli comunica la presenza degli abusi edilizi e il potenziale acquirente accondiscende. In questo caso, l’atto di compravendita può essere regolarmente completato, ma è doveroso precisare che entrambe le parti rischiano sanzioni per il reato di abuso edilizio. 

Quando non si può vendere un immobile con un abuso edilizio?

La vendita di una casa con abuso edilizio è considerata nulla per violazione della normativa urbanistica se l’intervento abusivo risulta essere difforme rispetto a quanto indicato nel contratto di compravendita.

Ricollegandoci all’esempio precedente, se il venditore non comunica al potenziale acquirente che nella proprietà siano presenti i suddetti abusi edilizi o fornisce informazioni non corrispondenti al vero, l’atto di compravendita può essere considerato nullo. 

Quali sono i rischi per chi vende un immobile con abuso edilizio?

Si può vendere un immobile con abuso edilizio

Chi vende è responsabile del bene venduto. Se chi vende evita di dichiarare la presenza di abusi edilizi nell’immobile oggetto di vendita, si espone a una serie di rischi non indifferenti. Sono previste:

  • pesanti sanzioni pecuniarie, amministrative e penali per il reato urbanistico, indicate negli articoli 37 e 44 del Testo Unico dell'Edilizia, emanato con il sopraindicato decreto del Presidente della Repubblica numero 380 del 6 giugno 2001; 
  • procedimenti penali;
  • rimozione o demolizione delle parti abusive. 

In caso di mancata rimozione o demolizione, è prevista la confisca dell’immobile. Le criticità possono altresì condurre a contenziosi legali.

Cosa può fare chi compra un immobile con abuso edilizio?

Se gli abusi edilizi non vengono debitamente dichiarati in sede di rogito notarile, l’acquirente, se all’oscuro della presenza degli stessi e pertanto estraneo all’illecito, ha diritto di recedere dal contratto di compravendita e richiedere che gli vengano restituite le somme versate fino a quel momento. 

Se, invece, l’abuso edilizio viene dichiarato e i contraenti decidono di procedere comunque con l’operazione di compravendita, l’acquirente rischia di rientrare nella denuncia per abuso edilizio insieme alle altre parti coinvolte. Il manufatto abusivo potrebbe essere abbattuto e l’acquirente potrebbe ricevere l’ordine di ristabilire lo stato delle cose in conformità al progetto approvato.

Chi compra un immobile con abuso edilizio può:

  • chiedere un sostanzioso risarcimento economico; 
  • richiedere al venditore una sanatoria edilizia assumendosene costi e ogni eventuale sanzione; 
  • ottenere una riduzione del prezzo di vendita.

Per gli immobili con abusi edilizi sostanziali non è raro ottenere deprezzamenti superiori al 20%.

Come procedere con la vendita casa con abuso edilizio non sanato

Prima di accettare la proposta di acquisto presentata dall’acquirente, è consigliabile che il venditore verifichi tramite un professionista certificato, come un perito tecnico, un geometra o un architetto, che l’immobile oggetto di vendita sia esente da abusi edilizi e difformità urbanistico-catastali

Il professionista effettuerà un’approfondita perizia, con attenta analisi delle caratteristiche planivolumetriche, tipologiche e di utilizzo dell’edificio e consulterà il piano urbanistico presso l’Ufficio Tecnico del comune. Qualora venissero rilevati abusi edilizi, si procede con la sanatoria edilizia, da richiedere entro 90 giorni dall’accertamento dell’illecito. 

Fino a quando non sarà chiarita e regolarizzata la situazione, si sconsiglia di procedere con la sottoscrizione della proposta di acquisto del potenziale acquirente. Accettando la proposta, il venditore accetta anche gli obblighi temporali specificati nella stessa in merito alla stipula del rogito notarile. I tempi necessari per la sanatoria edilizia possono essere piuttosto lunghi e sforare i termini del contratto. Pertanto è consigliabile attendere.

Come evitare l’acquisto di immobili con abusi edilizi

Chi si accinge a comprare un immobile può e deve svolgere ogni opportuna ricerca in merito a quanto dichiarato dal venditore, proprio al fine di verificare che non vi siano difformità rispetto al titolo abilitativo edilizio presentato all’atto. 

Si consiglia di richiedere alla parte venditrice, indipendentemente dal fatto che si tratti di un privato o di un intermediario immobiliare, tutta la documentazione relativa al titolo abilitativo edilizio e verificarne l’autenticità. Qualora il titolo abilitativo risultasse difforme anche solo in parte, suggeriamo di chiedere con estrema sollecitudine al notaio di verificare a sua volta la regolarità urbanistico-catastale dell’immobile ed effettuare una visita in loco con un professionista certificato che ispezioni l’unità abitativa.

Qualora emergessero difformità, il compratore può decidere se procedere o meno con la compravendita. Se il processo di vendita viene completato, è opportuno che l’acquirente sia ben conscio del rischio di incorrere in sanzioni e nella possibilità che le parti abusive debbano essere demolite.

Tre punti chiave
  • Un immobile con abusi edilizi può essere venduto a patto che nel contratto di compravendita venga espressamente indicato che nello stesso siano presenti opere eseguite con interventi abusivi.
  • Se chi vende non dichiara la presenza di abusi edilizi nell’immobile oggetto di vendita rischia pesanti sanzioni pecuniarie e amministrative, procedimenti penali e la demolizione delle parti abusive. 
  • Prima di mettere in vendita un immobile è opportuno verificare tramite un professionista certificato che lo stesso sia esente da abusi edilizi e difformità urbanistico-catastali e, qualora venissero rilevati, avviare una sanatoria.

Fonti 

FAQ

Cosa può fare il notaio in caso di compravendita di un immobile con abuso edilizio?

Il notaio deve informare sia l’acquirente che il venditore dei rischi a cui si espongono sia dal punto di vista legale sia finanziario in caso di vendita di un immobile difforme dal titolo abilitativo edilizio. Il notaio deve altresì consentire al compratore di svolgere ogni opportuna indagine in merito a quanto dichiarato dal proprietario dell’immobile oggetto di vendita. 

Si può vendere un immobile con abuso edilizio non sanabile?

Si può ma è doveroso precisare che mettere in vendita un immobile con abusi edilizi non sanabili espone al rischio di ricevere pesanti sanzioni pecuniarie, amministrative e penali. 

Jessica Maggi
Copywriter freelance con esperienza ultradecennale sia sul web che sulla carta stampata. Laureata all’Università degli Studi di Milano, scrive sia in italiano che in inglese.
Articoli correlati
Locazione con Patto di Futura Vendita: Come Funziona?

Locazione con Patto di Futura Vendita: Come Funziona?

5 min

La crisi finanziaria, la precarietà del lavoro e le conseguenti difficoltà economiche negano a sempre più italiani la possibilità di accedere a finanziamenti e mutui bancari per l’acquisto di proprietà immobiliari. Questa circostanza sta favorendo lo sviluppo e la diffusione di forme contrattuali alternative alla tradizionale compravendita. Parallelamente al più noto affitto con riscatto, o […]
Read more
27.02.2024
In quanto tempo si vende una casa? Info e Consigli

In quanto tempo si vende una casa? Info e Consigli

Alla domanda “in quanto tempo si vende una casa” si potrebbe rispondere “dipende”. Infatti, sono molteplici i fattori che entrano in gioco al fine di poter effettuare una stima corretta delle tempistiche. In questo articolo, andiamo ad approfondire tali fattori e scoprire in che modo vendere una casa più velocemente. Quanto tempo occorre per vendere […]
Read more
26.02.2024
Migliorie che Aumentano il Valore di un Immobile: Quali sono?

Migliorie che Aumentano il Valore di un Immobile: Quali sono?

Quando si desidera vendere casa l’ideale sarebbe riuscire a venderla al prezzo più alto possibile. Ebbene, a tal proposito è bene tenere a mente che esistono migliorie che aumentano il valore di un immobile. In questo articolo scoprirete quali sono e come possono influire sul valore di mercato, ma anche sul valore locativo. Migliorie che […]
Read more
14.02.2024