Ti stai informando per affittare casa?
Inizia da qui per una valutazione gratuita.
Schweizer Immobilienpreis-Barometer

Come si Calcola l’Imposta di Registro sulla Locazione?

Jessica Maggi
12.06.2024
5 min

Una volta instaurato un rapporto locatizio occorre provvedere alla registrazione del contratto di affitto presso l’Agenzia delle Entrate, nonché al pagamento dell’imposta di registro sulla locazione. Scopriamo di cosa si tratta e come si calcola. 

Che cos’è l’imposta di registro sulla locazione?

L'imposta di registro sulla locazione è una tassa obbligatoria che occorre versare per registrare un contratto di affitto presso l’Agenzia delle Entrate utilizzando il modello RLI.

L’imposta di registro sulle locazioni è, quindi, una tassa che grava sui contratti di affitto. Il versamento di tale tributo è necessario per far sì che l’accordo locatizio sia valido, dispieghi i suoi effetti, abbia valenza giuridica e acquisti validità dinanzi alla legge.

Come si calcola l’imposta di registro sulle locazioni?

Imposta di registro locazione

Calcolare in modo corretto l’imposta di registro per la locazione di beni immobili è molto importante per non rischiare di invalidare il contratto di affitto e incorrere in pesanti sanzioni amministrative.

In regime di tassazione ordinaria, per calcolare l’imposta di registro sulla locazione si considerano tre dati fondamentali:  

La percentuale d’imposta varia in base alla durata dell’accordo locatizio: 

  • 2% del canone annuo per contratti di locazione con durata fino a 4 anni;
  • 2% + 1% per ogni anno eccedente i primi 4.

Per il calcolo dell’imposta di registro si applica la percentuale al canone di affitto pattuito tra le parti e si moltiplica per il numero di annualità del contratto. Per il primo anno, l’imposta di registro non può essere inferiore a 67 euro.  

Per i contratti di locazione a canone concordato (3+2), secondo quanto sancito dalla legge numero 431 del 9 dicembre 1998, l’imposta di registro è del 2% ma il calcolo viene eseguito sul 70% dell’importo del canone annuo. Con questa tipologia di contratto si beneficia di una riduzione del 30% sull'imposta di registro, alleggerendo il carico fiscale per la locazione abitativa.

Esempio di calcolo

Facciamo qualche esempio pratico. Supponiamo di aver siglato un contratto di affitto di 3 anni per un appartamento a uso residenziale. Il canone di locazione pattuito è di 12.000 euro all'anno.

Il 2% di 12.000 euro è 240 euro.

Considerando che la durata del contratto di locazione è di 3 anni, procediamo con il calcolo:

240 euro × 3 = 720 euro

L’imposta di registro da versare per il contratto di locazione triennale con un canone annuo di 12.000 euro sarà, quindi, di 720 euro.

Ipotizziamo ora che il rapporto locatizio abbia una durata di 5 anni. Procediamo con il calcolo dell'imposta per i primi 4 anni. Il 2% di 12.000 euro è, come abbiamo visto in precedenza, 240 euro, che moltiplichiamo per i primi 4 anni di contratto. Otteniamo 960 euro.

Calcoliamo ora l'imposta per il quinto anno, ossia l’anno eccedente. 

2% di 12.000 euro + 1% di 12.000 euro = 240 euro + 120 euro = 360 euro

Sommiamo i due importi e otteniamo il valore dell’imposta di registro per il contratto di locazione quinquennale. 

960 euro + 360 euro = 1320 euro.

L'imposta di registro da versare per la locazione è di 1320 euro.

Chi paga l’imposta di registro sulla locazione?

Il pagamento dell’imposta di registro sulla locazione spetta sia al proprietario dell’immobile locato che all’affittuario. Sia il locatore che il locatario sono, infatti, responsabili in solido per il versamento di tale tributo obbligatorio. Ogni contraente di un contratto di locazione deve contribuire al pagamento.

Quando si paga l’imposta di registro sulle locazioni?

La registrazione di un contratto di affitto presso l’Agenzia delle Entrate spetta al proprietario dell’immobile, che deve farlo entro 30 giorni dalla stipula del contratto. Il pagamento dell’imposta di registro sulle locazioni deve essere effettuato entro 30 giorni dalla pattuizione o entro 30 giorni dalla scadenza della precedente annualità. 

Come si paga l’imposta di registro sulle locazioni?

Ci sono varie modalità per versare l’imposta di registro sulle locazioni. Le illustriamo di seguito: 

  • in via telematica sul portale dell’Agenzia delle Entrate;
  • recandosi personalmente presso gli uffici competenti dell’Agenzia delle Entrate; 
  • tramite modello F24 da pagare presso gli sportelli bancari o gli uffici postali.

Se si sceglie l’ultima opzione, occorre inserire il codice tributo che, in questo caso, varia a seconda che si tratti della prima registrazione del contratto di affitto o di annualità successive. Per la prima registrazione il codice tributo da utilizzare è 1500. Per le annualità successive è 1501.

Cosa succede se non si paga l’imposta di registro sulle locazioni?

Se non si provvede al pagamento dell’imposta di registro per la locazione entro i termini previsti dalla legge, il contratto sottoscritto può essere dichiarato nullo e i contraenti rischiano pesanti sanzioni amministrative. Qualora il versamento non venisse eseguito, l’Agenzia delle Entrate può rivalersi sia sul locatore che sul locatario. 

Nello specifico, è prevista una sanzione dal 120% al 240% dell’importo dovuto in caso di omessa registrazione del contratto di locazione e mancato pagamento dell’imposta di registro. In caso di pagamento tardivo dell’imposta, è prevista una sanzione dal 60% al 120% dell'importo dovuto se il ritardo non è superiore ai 30 giorni.

Inoltre, chi non registra un contratto di affitto per evitare di versare le dovute imposte non potrà richiedere tutela legale in caso di eventuale morosità dell'affittuario. 

L’imposta di registro si paga per le locazioni commerciali?

Il pagamento dell’imposta di registro sugli affitti è previsto anche per le locazioni commerciali di immobili strumentali appartenenti alle seguenti categorie catastali:

  • A/10: uffici e studi privati;
  • C/1: negozi e botteghe;
  • B/8: magazzini sotterranei per depositi di derrate.

Per quanto riguarda la registrazione di contratti di locazione commerciale, le modalità di calcolo dell’imposta di registro sono due. Se il locatore è un soggetto passivo IVA, la percentuale di riferimento per il calcolo dell’imposta di registro è l’1% del canone annuale di affitto. In tutti gli altri casi l’aliquota rimane del 2% da moltiplicare per il numero di annualità. 

Tre punti chiave
  • L'imposta di registro sulla locazione è la tassa obbligatoria che occorre versare per registrare un contratto di affitto presso l’Agenzia delle Entrate.
  • Il valore di questo tributo è pari al 2% del canone annuo per i contratti di locazione con durata fino a 4 anni, e al 2% + 1% per ogni anno eccedente i primi 4.
  • Per il primo anno l’imposta di registro sulle locazioni non può essere inferiore a 67 euro. 

Fonti 

FAQ

L’imposta di registro si paga anche per i contratti di locazione di natura transitoria?

Sì, anche per questa tipologia di contratto di locazione, affinché l’accordo locatizio dispieghi i suoi effetti, è prevista la registrazione e il relativo pagamento dell’imposta di registro, con aliquota del 2% del canone complessivo di locazione.

Se concedo una mia proprietà in locazione, posso far pagare l’imposta di registro sul contratto di affitto solo all’affittuario?

No, l’imposta deve essere pagata da ambo i contraenti. Eccezionalmente è possibile rimettere il pagamento dell’imposta al solo locatore, ma non al conduttore. In tal caso la pattuizione sarebbe da ritenersi nulla.

Ci sono altri tributi da pagare oltre all’imposta di registro sul contratto di locazione?

Sì, una volta sottoscritto un contratto di affitto è previsto anche il pagamento dell’imposta di bollo, del valore minimo di 32 euro, calcolata in base al numero di pagine e copie del contratto.

Jessica Maggi
Copywriter freelance con esperienza ultradecennale sia sul web che sulla carta stampata, con focus specifico nel settore immobiliare, fiscale, tributario e delle costruzioni. Laureata all’Università degli Studi di Milano, scrive sia in italiano che in inglese.
Articoli correlati
Conviene Investire in Immobili da Affittare?

Conviene Investire in Immobili da Affittare?

Investire nel mattone per affittare, ossia entrare in possesso di uno o più beni immobili con il preciso scopo di concederli in locazione anziché fruirne in prima persona è, ancora oggi, una delle strategie più efficaci per ottenere un profitto extra nel lungo termine. Approfondiamo insieme, mettendo in luce gli aspetti da considerare affinché investire […]
Come Dimostrare il Diritto di Passaggio e Attraversare Proprietà Altrui Lecitamente?  

Come Dimostrare il Diritto di Passaggio e Attraversare Proprietà Altrui Lecitamente?  

Il terreno che hai acquistato non dispone di una strada di accesso propria perché incluso tra campi appartenenti a terzi? In questa guida illustriamo come dimostrare il diritto di passaggio e transitare su proprietà altrui senza commettere illeciti. Cos’è il diritto di passaggio? Il diritto di passaggio, disciplinato dall’articolo 1051 del codice civile e successivi, […]
Quanto Costa Costruire una Casa da Zero?

Quanto Costa Costruire una Casa da Zero?

Per chi aspira alla massima libertà costruttiva e compositiva, erigere la propria casa da zero, scegliendo il luogo, lo stile, i materiali e le tecnologie, è la soluzione che garantisce i più alti livelli di soddisfazione. Le spese da sostenere, però, sono molte. Per valutare se l’impresa sia effettivamente fattibile, è indispensabile farsi un’idea verosimile […]