Vorresti cambiare casa?
Inizia da qui per una valutazione gratuita.
Schweizer Immobilienpreis-Barometer

Si Può Trasferire il Mutuo su Un’altra Casa?

Jessica Maggi
27.06.2024
5 min

Se si desidera vendere un immobile attualmente iscritto a ipoteca per acquistarne uno nuovo si può approfittare della sostituzione di garanzia del mutuo, una misura offerta da alcune banche che, in sostanza, consente di trasferire il mutuo su un’altra casa. Vediamo nello specifico come funziona.

Come trasferire il mutuo su un altro immobile?

Con la sostituzione di garanzia del mutuo è possibile trasferire l’ipoteca dall’attuale abitazione alla nuova casa. L’ipoteca già esistente viene trasferita sull’immobile di nuovo acquisto.

In altre parole, la banca mutuante sposta l’ipoteca dall’immobile con mutuo in corso alla nuova abitazione che ci si accinge ad acquistare. Il mutuatario continua a versare le rate del mutuo già acceso e a beneficiare delle condizioni originariamente sottoscritte. Il finanziamento rimane lo stesso, alle stesse condizioni, con la stessa durata e presso lo stesso istituto di credito. A cambiare è il bene oggetto di ipoteca. 

Si tratta di una misura molto vantaggiosa ma ancora non particolarmente conosciuta. Al momento nell’ordinamento giuridico italiano non v’è, di fatto, alcuna norma che imponga alle banche di concedere tale servizio. Ne risulta che solo un'esigua minoranza di istituti bancari si presti a tali richieste e offra concretamente ai mutuatari la possibilità di sostituire la garanzia del mutuo. Sarebbe auspicabile un intervento legislativo che renda tale strumento più facilmente accessibile in futuro. 

Quali sono i vantaggi di trasferire il mutuo su un’altra casa?

Trasferire il mutuo su un altro immobile è una soluzione estremamente vantaggiosa, poiché consente al mutuatario di continuare a beneficiare delle condizioni stipulate con il mutuo originario. 

Supponiamo, per esempio, di aver acceso un mutuo a tasso fisso in un periodo favorevole rispetto ai tassi di interesse attuali. Se non potessimo trasferire il mutuo sulla casa che ci accingiamo ad acquistare, dovremmo per forza accenderne uno a condizioni meno vantaggiose.

Inoltre, non dovendo presentare una domanda di finanziamento per richiedere un altro prestito per l’acquisto della nuova casa si otterrà un inestimabile risparmio in termini di tempo e scocciature. Non occorrerà fornire nuovamente i propri documenti reddituali per dimostrare di disporre di risorse economiche sufficienti al pagamento delle rate del mutuo. 

Non dovendo richiedere un nuovo finanziamento per l’abitazione che si intende acquistare, inoltre, non si dovranno versare le spese di istruttoria per l’apertura della pratica e le tasse relative all’accensione del mutuo, che la banca trattiene per conto dell'erario dall'importo erogato. 

Cosa fare per trasferire il mutuo su un’altra casa?

Chi ha necessità di vendere un immobile con mutuo in corso per acquistarne uno nuovo può richiedere alla banca mutuante di trasferire l’ipoteca esistente dall’abitazione originaria a quella di nuovo acquisto. Gli accordi e le condizioni sottoscritti per il mutuo originario non cambiano, a meno che sia il mutuatario a chiederlo. 

Tuttavia, la richiesta potrebbe essere respinta qualora l’istituto bancario in questione non offrisse la possibilità di sostituire la garanzia del mutuo. 

Se la richiesta viene accolta, lo step successivo è la perizia dell’immobile che il richiedente vorrebbe acquistare. La banca nomina un perito tecnico che effettua un sopralluogo ed esegue un’accurata valutazione immobiliare finalizzata a stabilire il valore della proprietà

Se la banca acconsente a trasferire il mutuo da una casa all'altra alle stesse condizioni, si può procedere con la vendita dell’immobile originario e con l’acquisto della nuova abitazione, affinché l’ipoteca possa concretamente essere spostata. Per concludere l’operazione occorre trasferire formalmente l’ipoteca con un atto notarile

È però doveroso ribadire che al momento non tutte le banche offrono ai mutuatari la possibilità di trasferire l’ipoteca già esistente sull’immobile di nuovo acquisto, dal momento che, come accennato, non v’è alcun obbligo in tal senso per gli istituti di credito. Se la richiesta viene respinta, si dovranno valutare altre soluzioni, che illustriamo brevemente di seguito.

1. Sostituzione classica del mutuo

La sostituzione classica del mutuo è un’operazione che prevede l’estinzione del mutuo esistente e l’accensione di uno nuovo con un’altra banca. 

2. Accollo del mutuo all’acquirente

Un’altra alternativa è rappresentata dall’accollo del mutuo all’acquirente. In sostanza, l’ipoteca resta al suo posto e a cambiare, in questo caso, è l’attore del contratto. L’acquirente subentra nel mutuo del venditore, liberandolo dal debito e provvedendo al pagamento delle rate residue fino alla scadenza. 

3. Surroga del mutuo

La surroga del mutuo, introdotta dalla legge Bersani numero 40 del 2 aprile 2007, permette di trasferire un mutuo esistente da una banca a un'altra senza penali o costi di attivazione. 

4. Estinzione anticipata del mutuo

L’estinzione anticipata del vecchio mutuo con il ricavato della vendita è una soluzione che consente di liberare l’immobile dal peso di un’ipoteca. Per i mutui prima casa stipulati dopo il 2007, grazie alla suddetta legge Bersani, non occorre disporre subito dell’intera somma necessaria per l’estinzione. Se si è già trovato un acquirente interessato alla proprietà, ci si può accordare con la banca per estinguere il vecchio mutuo con l’incasso della vendita e accenderne uno nuovo. 

Quanto costa trasferire il mutuo su un’altra casa?

Sostituire la garanzia del mutuo comporta delle spese, che elenchiamo di seguito:

Gli importi possono variare, anche di parecchio, da banca a banca. Per esempio, i costi per la perizia tecnica spaziano indicativamente da 300 a 600 euro. Anche le tariffe notarili variano da notaio a notaio, partendo orientativamente da un minimo di 1500 euro circa fino ad arrivare a oltre 3000 euro.

Prima di richiedere alla banca mutuante di trasferire l’ipoteca esistente dall’abitazione originaria a quella di nuovo acquisto si consiglia di valutare con attenzione i costi e i vantaggi.

Tre punti chiave
  • Con la sostituzione di garanzia del mutuo è possibile trasferire un mutuo da una casa all'altra alle stesse condizioni e presso lo stesso istituto bancario.
  • Non dovendo richiedere un nuovo finanziamento per l’abitazione che si intende acquistare, non si dovranno versare le spese di istruttoria per l’apertura della pratica e le tasse relative all’accensione del mutuo. 
  • Se la banca non consente di trasferire l’ipoteca già esistente sull’immobile di nuovo acquisto, si dovrà accedere ad altre misure, come la sostituzione classica del mutuo, la surroga, l'estinzione anticipata o l'accollo del mutuo all'acquirente.

Fonti 

FAQ

Le condizioni del mutuo cambiano con il trasferimento su un immobile di nuovo acquisto?

No, il principale vantaggio della sostituzione di garanzia del mutuo con il trasferimento dell’ipoteca da un immobile all’altro è rappresentato proprio dalla possibilità di continuare a beneficiare delle condizioni stipulate con il mutuo originario. 

Se non posso trasferire il mutuo su un’altra casa e procedo con l’estinzione dello stesso, le condizioni cambiano?

Molto probabilmente sì. Se si estingue il mutuo esistente e se ne accende uno nuovo, le condizioni dipenderanno dal nuovo contratto stipulato.

Quali documenti occorre fornire alla banca per trasferire un mutuo su un'altra casa?

È necessario fornire, oltre ai propri documenti anagrafici, la documentazione relativa all'attuale mutuo e alla nuova proprietà.

Jessica Maggi
Copywriter freelance con esperienza ultradecennale sia sul web che sulla carta stampata, con focus specifico nel settore immobiliare, fiscale, tributario e delle costruzioni. Laureata all’Università degli Studi di Milano, scrive sia in italiano che in inglese.
Articoli correlati
Si Può Comprare Casa Senza Soldi?

Si Può Comprare Casa Senza Soldi?

Il progetto di acquistare un immobile di proprietà non è detto che debba necessariamente essere subordinato all’immediata disponibilità di grandi somme di denaro. In questo articolo illustriamo un’ampia rosa di soluzioni che possono fare al caso di chi, magari, non dispone al momento dell’intera cifra per acquistare una proprietà né per versare l’acconto del 20% […]
Tasse e Spese per l’Acquisto di una Seconda Casa

Tasse e Spese per l’Acquisto di una Seconda Casa

L’ordinamento giuridico italiano considera i secondi immobili di proprietà come beni extra, non strettamente necessari per il proprietario e i suoi familiari. Proprio per questo l’acquisto di una seconda casa comporta oneri fiscali decisamente più pesanti rispetto all’abitazione principale, con tasse più elevate e la pressoché totale assenza di esenzioni e agevolazioni. Vediamo nello specifico […]
Differenza tra Mutuo, Prestito e Finanziamento

Differenza tra Mutuo, Prestito e Finanziamento

Quando si tratta di ottenere denaro per vari scopi, termini come mutuo, prestito e finanziamento sono spesso utilizzati, a volte in modo intercambiabile. Tuttavia, ognuno di questi termini ha significati specifici e applicazioni diverse. Comprendere le differenze è fondamentale per fare una scelta informata. Vediamo più nel dettaglio qual è la differenza tra  mutuo, prestito […]