Vuoi valutare un bene immobile?
Inizia da qui per una valutazione gratuita.
Schweizer Immobilienpreis-Barometer

Valutazione Immobiliare di un Capannone Industriale: gli Aspetti da Considerare

Jessica Maggi
15.04.2024
6 min

La valutazione immobiliare di un capannone industriale finalizzata alla sua cessione o ad altre finalità si articola in modo differente rispetto alla valutazione di immobili con funzione abitativa o esercizi commerciali. I fattori da considerare e le fasi del processo valutativo possono essere gli stessi ma a cambiare sono l’approccio, la prospettiva e il punto di vista. In questo articolo illustriamo nel dettaglio come valutare un capannone industriale e quali sono gli aspetti da considerare. 

Fattori che influiscono sulla valutazione di un capannone industriale

Indichiamo di seguito i principali fattori che vengono considerati nella valutazione dei capannoni industriali a uso produttivo.

Posizione

La posizione in cui si trova il capannone oggetto di valutazione gioca un ruolo decisivo nella stima del suo valore. Il criterio di valutazione, in questo caso, è diametralmente opposto a quello applicato per gli immobili con funzione abitativa e gli esercizi commerciali dedicati alla vendita o rivendita di prodotti.

Se nella valutazione di altre tipologie di immobili il valore tende a salire man mano che ci si avvicina al centro della città, per la stima del valore di un capannone industriale si attribuisce più importanza alla vicinanza e facilità di accesso a importanti arterie di comunicazione e scorrimento, snodi autostradali, tangenziali, porti e aeroporti, che facilitano il raggiungimento della struttura.

Ipotizziamo che un capannone si trovi in una zona residenziale o interna di una città. Il fabbricato in sé potrebbe teoricamente assumere valore trovandosi in un’area in cui i prezzi al metro quadro sono in genere più alti che in altre parti del territorio comunale, ma l’ubicazione centrale comporta una lunga serie di limitazioni e vincoli che rischierebbero di pregiudicare lo svolgimento delle attività produttive. 

Nelle aree centrali e residenziali sono ammesse solo attività che, a giudizio del consiglio comunale e delle autorità competenti, non contrastino con le peculiari caratteristiche della zona. Per non arrecare disturbo ai residenti, sono imposti:

  • orari di lavoro ridotti; 
  • limiti acustici, la rumorosità prodotta dalle aziende produttive non può superare determinate soglie stabilite dalla legge numero 447 del 26 ottobre 1995
  • divieti nella produzione di fumi ed esalazioni dalle lavorazioni.

Tali restrizioni non sussistono se il capannone si trova all'interno di aree industriali specificatamente destinate ad accogliere attività di questo genere. Queste zone sono solitamente composte da un aggregato continuo di capannoni industriali, artigianali e commerciali di varie tipologie e dimensioni, con annessi piazzali. 

Le zone artigianali/industriali sono in genere dislocate in aree periferiche e periurbane o in appositi poli esterni a vocazione prettamente industriale, adibiti esclusivamente a funzioni produttive.

Dimensioni

Nella valutazione delle dimensioni di un capannone industriale si considerano: 

  • superficie del fabbricato; 
  • numero di piani;
  • presenza di aree destinate a uffici;
  • presenza di spazi esterni di pertinenza. 

Nella perizia di valutazione di un capannone industriale è opportuno tenere presente la tipologia di attività produttiva a cui l’immobile è deputato. Un capannone di metratura contenuta è adatto a determinate attività, come per esempio la microproduzione alimentare su piccola scala.

Per altre tipologie di attività produttiva, come per esempio la verniciatura a ciclo continuo di profilati in ferro o alluminio, sono richiesti spazi più ampi per gli impianti di lavorazione e lo stoccaggio dei materiali.

Disponibilità di piazzali di manovra, parcheggi e aree di sosta, carico e scarico

Un fattore importante nella valutazione immobiliare di un capannone industriale è la disponibilità di spazi adeguati in cui mezzi anche pesanti, come camion e autoarticolati, possano accedere, parcheggiare, sostare ed effettuare agevolmente manovre e operazioni di carico e scarico. 

Se il capannone oggetto di valutazione dispone di un ampio piazzale di manovra privato, riservato a dipendenti, collaboratori, fornitori e clienti dell’azienda, la quotazione dell'immobile aumenta. La disponibilità di spazi di manovra limitati è, invece, un fattore penalizzante.

Condizioni manutentive del fabbricato

Un capannone messo sul mercato in buone condizioni manutentive è senz'altro più appetibile di uno che, a parità di dimensioni e caratteristiche costruttive, necessita di urgenti interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria. 

Anno di costruzione

L’anno di costruzione è un altro fattore importante nella valutazione dei capannoni industriali. Un capannone edificato di recente usando tecniche di prefabbricazione e impianti all’avanguardia avrà un valore di gran lunga superiore rispetto a un vecchio stabilimento con struttura portante in cemento armato e murature in laterizio, che risulta essere più dispendioso in termini di manutenzione e meno performante dal punto di vista energetico.

Ma questo criterio può variare a seconda della finalità della valutazione. Ipotizziamo, per esempio, che la valutazione immobiliare debba essere effettuata con il fine di cambiare la destinazione d’uso dei capannoni e convertirli in complessi abitativi o strutture ristorative e ricettive. In questo caso, un edificio pluripiano in possesso dei requisiti per poter addirittura rientrare nella categoria di archeologia industriale è valutato certamente di più in confronto a un’anonima struttura prefabbricata.

Luminosità

Il fattore luminosità può sembrare irrilevante in un edificio dedicato alla produzione industriale, ma in realtà è un aspetto che viene premiato in fase di valutazione immobiliare. La disponibilità di luce naturale influisce sulla quantità di energia elettrica da destinare all'illuminazione artificiale degli spazi. Se l’illuminazione naturale è buona, il sito consuma meno energia ed è valutato positivamente. A meno che la specifica tipologia di produzione richieda una bassa illuminazione, la luminosità dell’edificio concorre a determinarne il valore. 

A chi rivolgersi per la valutazione di capannoni industriali?

È opportuno che la stima del valore di mercato di un capannone industriale arrivi da una fonte autorevole. Si consiglia di rivolgersi a un professionista abilitato, come un agente immobiliare specializzato nel settore industriale, un valutatore immobiliare certificato, un perito industriale o un geometra, architetto o ingegnere debitamente iscritti ai relativi albi professionali. 

Come valutare un capannone industriale

Per poter elaborare una stima del valore del capannone industriale oggetto di valutazione, occorre seguire un iter codificato. Indichiamo di seguito le fasi del processo valutativo. 

1. Raccolta delle informazioni

Prima di visionare l’immobile, il professionista incaricato raccoglie informazioni sul capannone industriale in esame, consultando elaborati planimetrici, mappe, dati e visure catastali. Occorre verificare se sull'immobile gravino ipoteche o vincoli di altra natura. 

È altresì utile controllare cosa preveda il piano regolatore generale comunale per l'area in questione e se vigono vincoli imposti dal piano urbanistico. Se sono previsti grossi interventi di potenziamento infrastrutturale e di espansione del reticolo viario nella zona in cui si trova il capannone, il suo valore è destinato a salire.

2. Visita in loco 

Il professionista si reca personalmente in loco per un sopralluogo in cui ispeziona con attenzione il fabbricato a uso industriale e ne valuta obiettivamente le condizioni strutturali e manutentive, tenendo conto di eventuali opere di riqualifica e interventi di efficientamento energetico eseguiti nel corso degli anni. Durante la visita in loco, il professionista effettua misurazioni e rilievi al fine di individuare eventuali criticità.

3. Analisi di mercato

Il risultato della raccolta e dell'elaborazione dei dati produce un quadro descrittivo della situazione del fabbricato a uso industriale da confrontare con altri immobili simili. Il professionista incaricato esegue le necessarie indagini di mercato, in cui reperisce dati recenti relativi a capannoni industriali aventi analoghe dimensioni e caratteristiche costruttive, ubicati in zone comparabili del territorio del comune in cui si trova l’immobile in esame e delle zone limitrofe.

Ulteriore e autorevole riferimento è rappresentato dall'Osservatorio del Mercato Immobiliare (OMI) dell'Agenzia delle Entrate che riporta, divisi per comune e per fasce e microzone catastali, i valori immobiliari rilevati dall'Ufficio del Territorio nel corso delle valutazioni effettuate per i propri compiti d’istituto. 

4. Stima del valore di mercato

Effettuate le opportune analisi comparative, il professionista elabora una stima del valore di mercato del capannone oggetto di valutazione, tenendo conto dell’ubicazione e dello stato di conservazione generale del fabbricato e prendendo in considerazione l’andamento del mercato immobiliare al momento della perizia.

5. Rapporto di valutazione di un capannone industriale

Al termine dell’operazione, il professionista redige un report in cui indica il valore del capannone, specificando le operazioni eseguite per svolgere la valutazione.

Tre punti chiave
  • Per una valutazione immobiliare completa, approfondita e dettagliata, che permetta di determinare con precisione il valore di mercato di un capannone, è opportuno affidarsi a un professionista dell’estimo specializzato nel settore industriale.
  • Nella valutazione di un capannone industriale è attribuita grande importanza alla vicinanza e facilità di accesso a infrastrutture e importanti arterie di comunicazione e scorrimento.
  • Se nell’area in cui è ubicato il capannone industriale sono previsti grossi interventi di potenziamento infrastrutturale e di espansione del reticolo viario, il valore dell’immobile è destinato a salire.

Fonti

FAQ

Come influiscono le condizioni manutentive sulla valutazione di un capannone industriale?

Le condizioni manutentive del fabbricato, lo stato di usura delle finiture interne ed esterne e la necessità di riparazioni o interventi di ristrutturazione possono influenzare considerevolmente il valore del capannone. Un’adeguata e costante manutenzione ordinaria aiuta a mantenere o aumentare il valore dell'immobile.

Qual è l'importanza dell’ubicazione nella valutazione di un capannone industriale?

L'ubicazione è cruciale nella valutazione. I capannoni ubicati in aree ben servite da infrastrutture e con facile accesso a snodi autostradali e importanti arterie di comunicazione e scorrimento tendono ad avere un valore più elevato rispetto a quelli situati in località remote o meno accessibili.

Jessica Maggi
Copywriter freelance con esperienza ultradecennale sia sul web che sulla carta stampata, con focus specifico nel settore immobiliare, fiscale, tributario e delle costruzioni. Laureata all’Università degli Studi di Milano, scrive sia in italiano che in inglese.
Articoli correlati
Quali Spazi Aggiungere ed Escludere dal Calcolo della Superficie Lorda?

Quali Spazi Aggiungere ed Escludere dal Calcolo della Superficie Lorda?

Tra i parametri urbanistici richiesti nella presentazione al comune di pertinenza di progetti concernenti la costruzione di nuovi edifici o l’ampliamento di strutture esistenti c’è la superficie lorda, o, più propriamente, superficie lorda di pavimento, spesso indicata con l’acronimo SLP. Vediamo nello specifico di cosa si tratta, a cosa serve e quali elementi vanno inclusi […]
20.05.2024
Cosa Succede se il Perito Valuta di Più la Casa o ne Sottostima il Valore? 

Cosa Succede se il Perito Valuta di Più la Casa o ne Sottostima il Valore? 

Un istituto di credito, prima di decidere se accordare un prestito, effettua una serie di valutazioni sia sul richiedente sia sull’immobile per cui il mutuo è stato richiesto. Per stabilire se il bene rappresenti effettivamente una garanzia sufficiente per la concessione del mutuo, la banca si serve della perizia estimativa, eseguita da un perito abilitato. […]
22.04.2024
Tariffa d'Estimo Catastale: Cos'è e Come si Calcola

Tariffa d'Estimo Catastale: Cos'è e Come si Calcola

Quando si parla di rendita catastale, ovvero del reddito che produce un’immobile ai fini fiscali, è bene precisare tutti gli aspetti che riguardano la sua determinazione. Tra questi figura la tariffa d’estimo catastale. In questo articolo forniamo tutte le delucidazioni necessarie per approfondire l’argomento.  Cos’è la tariffa d’estimo catastale? La tariffa d’estimo catastale è una […]
13.04.2024