Ti stai informando per comprare casa?
Inizia da qui per una valutazione gratuita.
Schweizer Immobilienpreis-Barometer

Quali Sono le Spese per l’Acquisto Della Prima Casa?

Jessica Maggi
08.07.2024
6 min

Oltre al prezzo di vendita dell’immobile e alle spese relative al trasloco, all’arredamento e all'allacciamento delle utenze, l’acquisto della prima casa implica una serie di costi che è bene conoscere e capire. Se sommati, possono ammontare a cifre considerevoli, di cui è doveroso essere pienamente consapevoli. Illustriamo di seguito quali sono le spese per l’acquisto della prima casa.

Quali sono le spese per l’acquisto della prima casa?

Quando si acquista la prima casa, ci sono quattro macrocategorie di costi da sostenere, relative a:

Approfondiamo insieme.

1. Spese notarili per acquisto prima casa

A incidere sull’investimento totale per l’acquisto della prima casa ci sono, innanzitutto, le spese notarili, che dipendono da:

In linea generale, più è alto il valore dell’immobile e del mutuo che si richiede per acquistarlo più alte sono le spese notarili. 

Anche la regione, la provincia e la zona in cui opera il notaio influiscono sull’onorario che si dovrà corrispondere. Si stima che un professionista con sede in una grande città metropolitana del Nord Italia, come Milano e Torino, abbia parcelle decisamente più elevate rispetto a uno che opera, supponiamo, in un piccolo centro nella provincia di Carbonia-Iglesias in Sardegna.  

La cifra è variabile e orientativamente oscilla tra 1500 e 3000 euro. 

2. Imposte per acquisto prima casa

L’acquisto della prima casa richiede il pagamento delle seguenti imposte:

L’importo di tali imposte cambia a seconda che l’acquisto dell’immobile avvenga da un privato o da un’impresa costruttrice. Se si acquista da privato, è previsto il pagamento di: 

  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro;
  • imposta catastale fissa di 50 euro;
  • imposta di registro proporzionale del 2% del valore catastale dell’immobile, invece dell’ordinario 9%.

Se, invece, si acquista da un’impresa costruttrice, le imposte ipotecarie, catastali e di registro salgono a 200 euro l’una. Inoltre, occorre calcolare l’IVA sul prezzo di acquisto. A meno che l’immobile appartenga alle categorie catastali A1, A8 e A9, l’IVA è del 4% invece che del 10% se l’acquirente non possiede altre abitazioni sul territorio nazionale. 

3. Contratto preliminare di compravendita

Il contratto preliminare di compravendita, comunemente detto compromesso, è un documento con cui il venditore e l’acquirente si impegnano a stipulare in un momento successivo l’atto di vendita definitivo.

Il compromesso di vendita può essere redatto con scrittura privata, ma è doveroso segnalare che produce effetti giuridici nei confronti di terzi solamente se autenticato dal notaio e trascritto nei pubblici registri immobiliari, operazioni che hanno un costo non indifferente.

4. Visura ipotecaria

Prima di firmare il compromesso di vendita è consigliabile procurarsi la visura ipotecaria, detta anche visura ipocatastale. Si tratta di un utile documento reperibile presso l’Agenzia delle Entrate, che consente di determinare se il venditore sia effettivamente l’intestatario dell’immobile.

Attraverso la verifica delle trascrizioni a favore e contro il proprietario, la visura ipotecaria consente di identificare se sull’immobile oggetto di vendita vi siano gravami, ipoteche, pignoramenti, decreti ingiuntivi o cause in corso.

Il costo previsto per la consultazione di una visura ipotecaria è di 35,20 euro, comprensivo di IVA, tasse ipotecarie e tributi catastali imposti dall’Agenzia delle Entrate.

5. Caparra confirmatoria

In genere, al momento della firma del compromesso di vendita, il promittente venditore chiede al promissario acquirente il versamento della cosiddetta caparra confirmatoria per dimostrare la sua serietà nell’impegno assunto, come previsto dall’articolo 1385 del codice civile. L’importo in genere viene scalato dal prezzo finale.

6. Spese di istruttoria mutuo 

Le spese di istruttoria sono gli importi che la banca addebita al mutuatario per le pratiche e le formalità necessarie all'erogazione del mutuo. Si tratta di costi connessi a: 

  • apertura della pratica; 
  • valutazione dei requisiti del richiedente; 
  • analisi della documentazione allegata alla domanda di finanziamento

Prima di deliberare e decidere se accordare un prestito, la banca effettua una serie di attente valutazioni sia sul richiedente sia sull’immobile per cui il mutuo è stato richiesto, i cui costi confluiscono nelle spese di istruttoria, che possono essere fisse, di importo indicativamente compreso tra 200 e 350 euro a seconda dell’istituto di credito, o determinate in percentuale tra lo 0,1% e l'1% dell'importo finanziato. In quest’ultimo caso, le spese di istruttoria crescono proporzionalmente alla somma concessa a titolo di mutuo. 

7. Spese peritali per la valutazione della proprietà

Per stabilire se l'immobile rappresenti effettivamente una garanzia sufficiente per la concessione del mutuo, la banca si serve della perizia immobiliare. In pratica, viene nominato un perito che ispeziona l’immobile, ne valuta attentamente le condizioni strutturali, architettoniche, impiantistiche e manutentive e ne stabilisce il valore. 

La perizia fornisce un’oggettiva valutazione dell’immobile e una stima verosimile del suo valore reale. Sulla base della stima formulata dal perito, la banca calcola l’importo del finanziamento da concedere e le relative condizioni.

In linea generale, il costo richiesto dalla banca per incaricare un perito di eseguire un’accurata valutazione dell’immobile è compreso grossomodo tra 100 e 300 euro. 

8. Imposta sostitutiva

L’imposta sostitutiva per i mutui è una particolare tipologia di imposta dovuta in sostituzione di altri tributi. Il valore dell'imposta sostitutiva è calcolato in termini percentuali. Nel caso di mutui accesi per l'acquisto della prima casa da adibire ad abitazione principale, l'imposta sostitutiva è pari allo 0,25% dell'importo erogato con il finanziamento, come sancito dall’articolo 1 della legge numero 244 del 24 dicembre 2007.

9. Polizza assicurativa

Quando si acquista la prima casa o, più in generale, un bene immobile con un mutuo ipotecario, è necessario sottoscrivere un’assicurazione che offra tutela nella malaugurata eventualità in cui il bene venisse danneggiato da eventi fortuiti, come, per esempio, un incendio. 

Per poter finalizzare un finanziamento è, quindi, necessario sottoscrivere un’assicurazione contro il rischio di incendio e scoppio. 

Il costo dipende da vari fattori, quali:

  • profilo di rischio del mutuatario; 
  • importo e durata del contratto di mutuo; 
  • valore dell’immobile.

Orientativamente, il prezzo di un’assicurazione sul mutuo rappresenta una quota compresa tra il 2 e il 7% del finanziamento. 

10. Provvigione agenzia immobiliare

Tra i costi da sostenere quando si acquista la prima casa ci sono anche le eventuali spese derivanti dal mandato conferito a un’agenzia immobiliare per la gestione dell’iter di compravendita dell'immobile. 

Il compenso dell’agenzia immobiliare, lo ricordiamo, va versato anche qualora non si arrivi al rogito notarile, come stabilito dalla Corte di Cassazione con l'ordinanza numero 21575 del 18 settembre 2017. Per legge, infatti, la provvigione dell’agente immobiliare è legata al ruolo di messa in contatto delle parti e non necessariamente alla conclusione del passaggio di proprietà

Tre punti chiave
  • Per l'acquisto della prima casa occorre pagare l'imposta ipotecaria, catastale e di registro, il cui importo cambia a seconda che l’acquisto avvenga da un privato o da un’impresa costruttrice.
  • Se per l'acquisto della prima casa è stato richiesto un mutuo, è previsto il pagamento delle spese di istruttoria, dell'imposta sostitutiva, delle spese peritali per la valutazione della proprietà nonché di un’assicurazione contro il rischio di incendio.
  • Non è obbligatorio ma è consigliabile consultare la visura ipotecaria e trascrivere il contratto preliminare di compravendita nei pubblici registri immobiliari, sostenendo i relativi costi.

Fonti 

FAQ

Per tutelarmi da una vendita a terzi dell’immobile che vorrei acquistare è sufficiente che il compromesso di vendita venga redatto con scrittura privata?

No, affinché abbia validità nei confronti di terzi è necessario che il contratto preliminare di compravendita sia autenticato dal notaio e trascritto nei pubblici registri immobiliari.

È possibile detrarre le spese notarili sostenute per l’acquisto della prima casa?

Le spese notarili non sono direttamente detraibili, ma le spese per la stipula del mutuo possono essere detratte al 19% nella dichiarazione dei redditi.

Se l’acquisto della prima casa avviene senza richiedere un mutuo, è comunque obbligatorio sottoscrivere l’assicurazione contro il rischio di incendio?

No, non è obbligatorio sottoscrivere un'assicurazione contro il rischio di incendio se l'acquisto dell’immobile avviene senza accendere un mutuo.

Jessica Maggi
Copywriter freelance con esperienza ultradecennale sia sul web che sulla carta stampata, con focus specifico nel settore immobiliare, fiscale, tributario e delle costruzioni. Laureata all’Università degli Studi di Milano, scrive sia in italiano che in inglese.
Articoli correlati
Si Può Comprare Casa Senza Soldi?

Si Può Comprare Casa Senza Soldi?

Il progetto di acquistare un immobile di proprietà non è detto che debba necessariamente essere subordinato all’immediata disponibilità di grandi somme di denaro. In questo articolo illustriamo un’ampia rosa di soluzioni che possono fare al caso di chi, magari, non dispone al momento dell’intera cifra per acquistare una proprietà né per versare l’acconto del 20% […]
Tasse e Spese per l’Acquisto di una Seconda Casa

Tasse e Spese per l’Acquisto di una Seconda Casa

L’ordinamento giuridico italiano considera i secondi immobili di proprietà come beni extra, non strettamente necessari per il proprietario e i suoi familiari. Proprio per questo l’acquisto di una seconda casa comporta oneri fiscali decisamente più pesanti rispetto all’abitazione principale, con tasse più elevate e la pressoché totale assenza di esenzioni e agevolazioni. Vediamo nello specifico […]
Differenza tra Mutuo, Prestito e Finanziamento

Differenza tra Mutuo, Prestito e Finanziamento

Quando si tratta di ottenere denaro per vari scopi, termini come mutuo, prestito e finanziamento sono spesso utilizzati, a volte in modo intercambiabile. Tuttavia, ognuno di questi termini ha significati specifici e applicazioni diverse. Comprendere le differenze è fondamentale per fare una scelta informata. Vediamo più nel dettaglio qual è la differenza tra  mutuo, prestito […]